Aprire negozio online senza partita IVA

Aprire un negozio online senza partita IVA

Indice dei contenuti

Il tuo sogno è quello di aprire un negozio online ma non sei titolare di partita IVA? Ti chiedi come poter aggirare l’ostacolo e quali sono le regole fiscali da considerare?

Ecco tutto quello che c’è da sapere su questo argomento e come iniziare a vendere su internet, anche da privato, e rispettando comunque tutti gli adempimenti fiscali previsti dalla normativa.

Aprire negozio online senza partita IVA è possibile?

Questa è proprio la prima domanda alla quale rispondere e che molti come te si pongono. Magari ti chiedi da tempo come ha fatto quel tuo conoscente a mettere in piedi un negozio online senza fare alcuna comunicazione al fisco o all’Agenzia delle Entrate.

Devi considerare che la legge nazionale non ammette l’apertura di negozi online ai soggetti sprovvisti di partita IVA. In Italia, dunque, non è possibile creare un negozio, inteso come struttura organizzata, comprensiva di attrezzature, magazzino, deposito, personale e sito internet compreso se non si dispone della partita IVA. Ma tutto questo non significa che dovrai rinunciare per sempre al tuo progetto.

Esistono infatti due alternative valide che ti consentono di commercializzare tramite internet beni senza con questo costringerti ad affrontare tutti gli adempimenti necessari e le spese per aprire la una regolare posizione IVA.

Come aprire un negozio online anche senza avere la partita IVA

Aprire negozio online senza IVA

Dovrai limitare le tue ambizioni nel caso in cui volessi diventare il titolare di un negozio online come privato. In buona sostanza sarai chiamato a rendere la tua attività occasionale.

Questo significa non solo che dovrai rispettare precisi limiti di fatturato annui, ma considerare anche la frequenza con la quale si svolgerà la tua attività.

Vediamo più nello specifico i due aspetti che renderanno l’attività di vendita online occasionale, evitando in questo modo di affrontare l’iter e i costi di apertura della partita IVA.

Quanto al limite di fatturato, devi considerare che affinché un’attività online possa ritenersi davvero occasionale il tetto massimo dei ricavi generati in un anno non dovrà superare l’importo di 5000 euro.

Dal punto di vista dell’occasionalità, dovrai commercializzare i tuoi prodotti in maniera saltuaria e limitata, quindi senza che questa pratica diventi costante e continua.

In buona sostanza ti troverai a gestire un sito internet un po’ differente da quelli a cui sei abituato ad accedere, in cui esegui abitualmente i tuoi acquisti e che magari hanno anche ispirato il tuo progetto.

Il sito internet che potrai realizzare come privato non dovrà avere la connotazione di un portale con vetrine o di un e-commerce, pertanto sarà privo di prezzi esposti, servizi di spedizioni e assistenza per la clientela.

Tieni sempre ben fermo l’introito annuale che deriva dalla vendita dei tuoi prodotti. In ogni caso deve mantenersi pari o al di sotto della soglia di 5000 euro.

A questo riguardo, nella maggior parte dei casi, si considera occasionale la vendita online di prodotti locali e realizzati a mano.

Tante volte è facile riscontrare la vendita occasionale di oggetti creati per mero hobby, come quelli che puoi trovare visitando i mercatini di accessori moda, complementi artistici e altri articoli per la casa.

In queste situazioni l’attività non ha carattere di continuità. L’artigiano e il creativo infatti realizza questi prodotti una volta tanto per ricavare somme modeste. Questo gli consente di poter omettere la fattura o l’emissione dello scontrino, quindi l’apertura di una regolare posizione IVA.

Apertura negozio online: la soluzione del marketplace

Posto che in Italia per aprire un negozio online professionale è necessario comunicare al fisco l’apertura della partita IVA, nessuno ti vieta di vendere i tuoi oggetti in modo occasionale e rispettando il tetto massimo di fatturato annuale.

A questo riguardo puoi infatti considerare la possibilità di commercializzare i prodotti tramite i numerosi gruppi di acquisto privati, oppure sfruttando le grandi potenzialità dei marketplace.

Pensa, ad esempio, ai grandi colossi come Amazon e Ebay, o altri specializzati in articoli handmade, i quali ti permettono con molta facilità di mettere in vendita articoli vari e di ottenere un guadagno dietro il pagamento di piccole commissioni.

Questi marketplace rappresentano anche una valida soluzione per liberarti di articoli di seconda mano, usati o come nuovi, che magari non utilizzi più, di cui devi disfarti per mancanza di spazio o a causa di un trasferimento in altra casa.

In questa ipotesi la tua attività di vendita non potrà considerarsi professionale e continuativa, in quanto spinta non certo dal guadagno ma più per una semplice passione.

In altri termini, grazie ai marketplace potrai solo racimolare piccole somme, senza con questo dover rispondere al fisco o regolarizzare la tua posizione come invece è tenuto a fare un commerciante professionale.

Quali sono gli adempimenti fiscali da seguire?

Iva negozio online

Aprire un e-commerce può rappresentare un ottimo investimento ma anche gestire un negozio tramite internet in maniera del tutto occasionale riuscirà a darti qualche piccola soddisfazione.

In quest’ultimo caso gli adempimenti fiscali che dovrai seguire sono molto semplificati e non richiedono somme eccessive. Quindi la soluzione del sito internet non professionale e senza vetrine online diventa l’ideale quando non disponi di capitali da investire .

Seguire tutti i passaggi previsti ti renderà non responsabile nei confronti del fisco e potrai proseguire la tua attività online, sebbene sporadicamente, senza rischiare di incorrere in accertamenti, sanzioni e altre spiacevoli conseguenze.

Quando il prodotto messo in vendita verrà acquistato l’unica cosa da fare è rilasciare all’acquirente una ricevuta generica che dovrà contenere i dati della transazione, ovvero:

  • il tuo nominativo.
  • il nominativo del compratore.
  • Una breve descrizione del bene venduto.
  • il prezzo pagato.
  • data e luogo della vendita.

Ricorda inoltre di accompagnare la ricevuta con una dicitura attestante che si tratta di una vendita occasionale. Inoltre quando l’importo della ricevuta supera 77,47 euro dovrai anche applicare una marca da bollo da 2,00 euro.

Tieni presente che la marca da bollo deve essere apposta solo sulla ricevuta originale. Sulla tua copia, invece, ti basta semplicemente riportare la dicitura “Imposta di bollo assolta sull’originale, identificativo n.ro____ “.

Il numero identificativo lo trovi proprio sulla stessa marca, pertanto non dimenticare di trascriverlo in modo corretto prima di consegnare la ricevuta all’acquirente.

Quindi, quando la tua attività si svolge solo una tantum e genera piccole e modeste somme, venderai in modo regolare emettendo la ricevuta con tutti i dati richiesti. Tutto questo ti basta per essere apposto con il fisco.

Inoltre dovrai indicare i guadagni che percepisci nel quadro “RL” del tuo modello Unico, che si riferisce proprio ai redditi diversi e come tali soggetti a tassazione.

In base a quanto disposto dall’art. 67 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi l’importo che sarà sottoposto a tassazione non è altro che la differenza fra quanto hai percepito dalla vendita degli oggetti e le spese sostenute per la loro produzione.

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo

Coronavirus e le nuove opportunità di lavoro online

Coronavirus e le nuove opportunità di lavoro online

Indice dei contenuti

L’impatto di una crisi sanitaria mondiale come quella causata dal Coronavirus ha indubbiamente causato stravolgimenti non solo nelle attività sociali ma anche e soprattutto nel mondo del lavoro.

Inutile sottolineare come la chiusura forzata abbia costretto aziende e lavoratori a rivedere offerta e domanda di lavoro, creando una vera e propria crisi generalizzata in ogni settore.

Come in ogni grande cambiamento però, vi è l’intrinseca occasione per cogliere nuove opportunità e prendere gli eventi come trampolino di lancio per affermarsi lavorativamente nel mondo digitale.

Coronavirus e lavorare da casa

Coronavirus lavorare da casa

Anche prima dell’avvento del Coronavirus in Italia la formula dello smart working (praticamente lavorare da casa) era in aumento.

Già nel 2019 i lavoratori che grazie agli strumenti e alle innovazioni digitali hanno potuto beneficiare di flessibilità e autonomia nella scelta e nella persecuzione del proprio impiego erano aumentati di un buon 20% rispetto agli anni passati.

Il trend aveva già cominciato quindi a farsi sentire e il lock-down ha solamente accelerato un processo che era già in atto.

I tempi sono maturi, quindi, per guardare con positività a quello che di primo acchito può sembrare un periodo di recessione.

Non si può negare che, mentre si tenta di debellare il virus in tutto il mondo, molte attività e soprattutto piccole e medie imprese sono andate in crisi e non possono più offrire lavoro; probabilmente molte di queste chiuderanno definitivamente.

Ma al tempo stesso ve ne sono altre che grazie all’avanzata della realtà digitale avranno bisogno di nuove figure professionali e, non in ultimo, il cambiamento delle abitudini di vita e di consumo delle persone può costituire una ghiotta opportunità per creare un’attività in proprio.

Tipi di lavoro da casa fattibili

Come accennato poco sopra, il mondo dello smart working stava già iniziando a prendere campo ancor prima del Coronavirus.

Ci sono alcune figure professionali richieste che non risentono della crisi generalizzata e che anzi hanno ampie prospettive di crescita. Vediamone alcune.

  • Contabilità e finanza. Puoi aprire il tuo sito web per offrire servizi specializzati in contabilità a richiesta e in outsourcing.
  • Marketing e IT. Puoi offrire le tue competenze in marketing digitale, generazione di piani strategici, monitoraggio delle tendenze dei settori, costruzione di relazioni commerciali, facendolo comodamente e in maniera flessibile proprio da remoto.
  • Lavori creativi. Essere operatore e responsabile dello sviluppo di contenuti digitali, editor di video, grafico specializzato o altre tipologie di lavoro creativo in svariati settori sono alcune delle potenzialità per la tua attività online.
  • Vendita. Qui si apre un mondo a parte, e immenso. Infinite sono le possibilità di far parte di questo settore, sia come collaboratore che come libero professionista.

Questi sono solo alcuni degli esempi di impiego che puoi crearti online.

La ricerca del lavoro come avveniva fino a qualche anno fa è un sistema che era destinato comunque a scomparire. Questo per via delle trasformazioni socio-culturali che inevitabilmente l’innovation technology ha innescato e che stanno evolvendo nella società odierna.

Come posso scegliere un nuovo lavoro online?

Coronavirus e smartworking

Se ti trovi nella condizione di dover reinventare un nuovo lavoro, a causa appunto dei cambiamenti epocali che stai vivendo, o perché stai facendo fatica a trovare un lavoro a causa dell’età, oltre i 30/40 anni diventa più complicato a prescindere.

Oppure perché sei stanco del lavoro che già stai facendo che non ti regala più gli stimoli per andare avanti, puoi agire in due principali modi. Vediamoli insieme.

La prima possibilità è quella di considerare dei lavori diversi da quelli che hai sempre pensato fino ad ora, e cioè dei lavori innovativi, nuovi, di nuova era.

Sicuramente il mondo digitale è la principale fonte di queste opportunità perché, se è vero che tutti conoscono i mestieri tradizionali (come l’avvocato, il medico eccetera) pochissime persone conoscono i mestieri nuovi che stanno nascendo grazie alla rivoluzione digitale.

Prendiamo ad esempio chi fa funzionare i social network, i pubblicisti online, chi crea e/o gestisce siti web, o ancora coloro che fanno marketing per favorire le vendite nei siti e-commerce, ce ne sono tantissimi.

La seconda opzione che puoi considerare è quella dell’autoimpiego, cioè del lavoro in proprio: ma quando è preferibile direzionarsi verso questa possibilità?

Quando di fatto non hai intenzione di lavorare per un’azienda di altre persone, grande o piccola che sia, o comunque fare il dipendente o il collaboratore.

Quando ti trovi in una situazione in cui senti un forte desiderio di fare qualcosa in proprio, di tuo, autonomo, autocreata, allora a questo punto puoi considerare tutte le forme di autoimpiego che esistono.

Anche in questo caso vi è una ricetta comunque vincente, che è quella di utilizzare le nuove opportunità dell’innovazione digitale per mettere a frutto qualcosa che sai già fare, che in qualche modo è già tua.

Non devi però andare a cercare qualunque cosa che sia innovativa e basta: parti da un’analisi di te stesso e cerca di capire quali sono le tue passioni, e considera anche le tue esperienze precedenti che avevi maturato in ambito tradizionale, anche se sono cicli conclusi.

Queste tue passioni e tutto il tuo bagaglio d’esperienza portalo, semplicemente, online.

Il mondo virtuale, ovvero i social network e la visibilità generale data da siti web e dai blog, visitati giornalmente da milioni di utenti grazie agli smartphone, Pc e tablet, rappresentano l’opportunità di dare nuova linfa a moltissimi settori, mercati e anche lavori che erano in declino nella modalità tradizionale.

Per farti un esempio concreto, mettiamo che tu sia un appassionato di moda.

Il settore della moda magari al momento non ti offre più molto lavoro, perché i negozi in cui lavoravi in passato sono in declino o verso la chiusura, e allora puoi considerare nuove dimensioni:

  • puoi guadagnare una commissione sulla vendita di un prodotto/servizio realizzato da qualcun altro tramite l’affiliazione (ecco un libro da me scritto sull’argomento), oppure puoi creare degli info-prodotti come ebook o corsi
  • puoi anche diventare un influencer! Quella che viene considerata un’attività quasi di poco conto in realtà sta diventando una vera e propria specializzazione, e anche molto richiesta.

Puoi fare lo skype coach: questo tipo di professione si applica in molti settori (life coach, health coach, dating coach…), sta a te scegliere in che modo assistere i tuoi potenziali clienti.

Competenze digitali

Cosa ti serve per trasformare in realtà quelle che sono le tue passioni e la tua volontà di lavorare online?

Una volta compreso il settore d’interesse verso il quale vuoi investire le tue energie, è importante comprendere quali sono le competenze digitali che ti servono.

Sono più o meno sempre le stesse, sia che tu voglia lavorare nel settore della moda come in quello dei viaggi o del food o altre cose, alla fine hai sempre bisogno di un sito web e di saperlo gestire, di saper fare della pubblicità online e sui principali Social come Facebook, Instagram, Youtube e Linkedin, hai bisogno di saper scrivere dei contenuti e conoscere le regole del SEO per poterli posizionare più in alto nei motori di ricerca.

Qualunque sia la tua passione o la tua volontà di entrare a far parte del mercato del lavoro online si tratterà di imparare alcune nuove modalità di utilizzo delle tecnologie digitali.

Puoi farlo attraverso i molteplici webinar gratuiti che si trovano appunto in rete come anche iscrivendoti a corsi a pagamento che rilasciano regolari attestati di competenze specialistiche.

Non è diverso, in fondo, dalla formazione continua che si usava fare nel modello tradizionale di ricerca e mantenimento del posto di lavoro.

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo

9 siti web per guadagnare online

9 siti web per guadagnare online

Indice dei contenuti

Non importa quale metodo scegli per generare il tuo reddito online, c’è una cosa molto importante da capire. Il denaro può essere guadagnato e speso, risparmiato e rubato, investito e sprecato. Non il tempo. Ecco perché il tempo è molto più prezioso del denaro. Non si può ricreare il tempo. Una volta speso, è sparito per sempre.

Quando ti manca il lusso del tempo, fare soldi on oppure offline può sembrare un compito impossibile.

Anche se la stabilità del lavoro a tempo pieno potrebbe consentire alla maggior parte di dormire bene la notte, non consente alla tua mente creativa di cercare nuove strategie di produzione di denaro.

La verità è che fare soldi online può essere pieno di insidie evitabili.

Se sei seriamente intenzionato a generare un reddito a tempo pieno dalle tue attività online, allora dovi concentrarti sul reddito passivo piuttosto che sul reddito attivo.

Certo, il reddito attivo ti aiuterà a sopravvivere. Ma sono le idee sul reddito passivo che ti aiuteranno a prosperare.

Chiunque sia interessato a fare soldi online dovrebbe perseguire un reddito passivo, lavorando anche sul reddito attivo.

Shutterstock per lavorare da casa
Dashboard collaborazione Shutterstock

Ci sono molti modi per generare un reddito passivamente su internet, molti dei quali partono dalla base: avere un blog, generando un notevole traffico e costruendo un pubblico e una lista di contatti. Non è facile, ma ne vale la pena.

Questo non significa che oggi sia necessario avviare un blog per fare soldi online.

Potresti optare per un altro percorso, ma se cerchi la longevità nella tua capacità di produrre reddito su internet, allora un blog dovrebbe essere il tuo obiettivo primario.

Ora ti faccio vedere dei siti da me provati per guadagnare online. Poi questi siti li approfondirò uno per uno con anche dei video intanto leggi e guarda.

Siti web esistenti per guadagnare

9 siti web per guadagnare online

Come opportunità puoi anche scegliere di utilizzare i siti web esistenti per fare soldi.

Questi includono sia il reddito attivo che i metodi di reddito passivo. Per esempio, potresti vendere alcuni oggetti usati o investire nella creazione di alcuni disegni digitali che poi possono essere venduti su t-shirt o tazze.

Naturalmente, gran parte di questi siti hanno le loro rispettive applicazioni. Ora ne vediamo insieme alcuni.

Fiverr: con sede in Israele, è stato avviato nel 2010 da Shal Wininger e Micha Kaufam. È possibile offrire servizi a partire da 5 dollari, ma anche essere pagati molto di più per gli aggiornamenti e i componenti aggiuntivi.

Upwork: questo sito web offre un ottimo mercato per la vendita di qualsiasi servizio professionale. Non hai bisogno di un conto commerciale, di un sito web proprio o di qualsiasi altra cosa. Tutto quello che devi fare è essere in grado di fornire un servizio di alta qualità ad un prezzo ragionevole. Attenzione che la concorrenza è elevata (come su Fiverr).

CafePress: Questo sito web permette di creare disegni digitali che possono poi essere venduti sulla piattaforma. Guadagnerai una commissione per tutto ciò che vendi e non dovrai mai avere a che fare con la logistica come la stampa, il magazzino e il servizio clienti. Se hai delle competenze di progettazione grafica, allora questa è una grande fonte potenziale per il tuo guadagno online.

Mechanical Turk Amazon
Dashboard di Mechanical Turk

Mechanical Turk: Il Mechanical Turk di Amazon è una risorsa per fare compiti di “intelligenza umana”, o come il sito li chiama, HITs. Si riceve un compenso molto piccolo per ogni HIT dato e si ha bisogno di una buona quantità di volume per fare una notevole quantità di denaro, molto volume. Ma è una risorsa che puoi usare nel tuo tempo libero per generare un piccolo reddito online.

Flippa: se hai un debole per la compravendita, potresti usare Flippa, e la sua controparte di fascia alta, Deal Flow Brokerage per comprare e vendere siti web con profitto. Hai bisogno di conoscere le meccaniche ma potresti facilmente ottenere un reddito considerevole facendo la compravendita di siti web che generano reddito a scopo di lucro.

Etsy: anche se la popolarità di Etsy è diminuita di recente, è ancora una grande risorsa per la vendita di oggetti fatti a mano online. Non c’è bisogno di complessi siti di e-commerce o di qualsiasi tipo di automazione. L’azienda prende una commissione per ogni vendita e addebita una piccola commissione per ogni articolo. Ma molti usano ancora Etsy come fonte primaria di reddito. La parte migliore è che si possono vendere anche prodotti digitali come i disegni dei poster.

Shutterstock e iStockPhoto: hai un occhio di riguardo per la fotografia? Perché non vendi foto su alcuni dei principali siti di fotografia. Oltre a vendere foto, loghi e video questi siti permettono anche di guadagnare. Se hai passione per la fotografia e hai del buon materiale puoi iscriverti e iniziare a vendere le tue foto.

Threadless: simile a CafePress, Threadless, con sede a Chicago, permette anche di vendere disegni digitali sotto forma di t-shirt e altro merchandise come custodie per il telefono, tazze, teli da mare e così via.

Zazzle: Un’altra grande risorsa per la vendita online. Il sito è in qualche modo simile a Etsy e praticamente chiunque può fare soldi online vendendo una varietà di articoli. Dall’arte agli oggetti fatti a mano e ai prodotti personalizzabili, qui si può vendere praticamente di tutto.

Guadagnare online con le app sul tuo smartphone

Se stai cercando di soddisfare alcune esigenze finanziarie immediate l’utilizzo di app può fare al caso tuo (soprattutto se vivi fuori dall’Italia).

Uber o Lyft: se ti trovi in un paese dove puoi usare Uber o Lyft (non in Italia al momento), o uno dei tanti concorrenti come la cinese Didi, l’orario è flessibile e puoi lavorare come meglio credi, il che lo rende perfetto, anche se attualmente hai un lavoro a tempo pieno ma cerchi di fare qualche soldo in più.

Postmates: come sopra, se ti trovi in un paese dove è attivo questo servizio, puoi guadagnare facendo consegne. In alcune località non hai nemmeno bisogno di un’auto per fare soldi con questa app. In alcune grandi aree metropolitane una bicicletta è sufficiente.

iBotta: in sostanza cashback, guadagni premi in contanti acquistando prodotti in vetrina presso i principali rivenditori. Tutto quello che devi fare è aggiungere sconti, andare a fare shopping, poi scattare una foto dello scontrino per avere denaro. Semplice ed efficace.

Swagbucks: ci sono diversi modi per fare soldi. Puoi fare acquisti online, guardare video, rispondere a sondaggi e navigare sul web. L’app ti offre sia il cashback che le gift card come ricompensa per i tuoi sforzi.

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo

Come guadagnare online con WhatsApp​

Come guadagnare online con WhatsApp

Indice dei contenuti

WhatsApp è un’applicazione che possediamo più o meno tutti: quasi sicuramente anche tu fai parte del nutrito gruppo di persone che la utilizza sullo smartphone senza spendere un centesimo, per comunicare con parenti ed amici in tempo reale.

La società ideata nel 2009 da Koum Acton ed acquisita da Facebook nel 2014, attualmente è leader della messaggistica istantanea ed è riuscita a mandare in pensione il vecchio SMS (sempre disponibile, ma ormai obsoleto), sbaragliando la concorrenza fin dai primi anni, quando era richiesto il pagamento “una tantum” di poco meno di un euro.

Ma il mantenimento dei rapporti interpersonali non è l’unica possibilità che offre: auto-promozione, vendita diretta di beni e servizi, altre modalità di guadagno indirette sono alcune tra le attività che puoi portare avanti grazie a questo programma mobile.

Sempre più persone l’hanno sperimentato come vero e proprio strumento di lavoro e, pur non avendone testato tutte le potenzialità, hanno riscontrato miglioramenti comunicativi, maggiore interesse del pubblico ed incremento dei fatturati, con grande soddisfazione di imprenditori ed artigiani.

Se, arrivato fin qui, anche tu sei incuriosito e vuoi capire meglio come aumentare le disponibilità finanziarie tramite l’utilizzo di questo servizio, continua a leggere: scoprirai tante funzioni inaspettate da cui potrai trarre profitto.

Perché preferire Whatsapp per monetizzare online?

WhatsApp Web
WhatsApp Web

Per conoscere le opportunità offerte dall’applicazione e capire fino in fondo le reali possibilità di guadagno, devi prendere consapevolezza delle sue risorse più nascoste: solo in questo modo ti renderai conto dei motivi per cui ti dà molto di più rispetto ad altri canali affini.

Dal momento che installare WhatsApp è praticamente diventato un must per qualsiasi smartphone, hai maggiori possibilità di contatto con i potenziali clienti.

Questo rappresenta in sé un valido motivo per utilizzarlo come canale di comunicazione in ambito professionale, anche per l’assenza di un filtro anti-spam, presente invece nelle caselle di posta.

Anche da un punto di vista pratico puoi avere indubbi vantaggi, poiché il programma occupa poco spazio nella memoria, gli aggiornamenti sono rapidi, l’invio dei messaggi è istantaneo e, a differenza di altri strumenti, puoi vedere chi li visualizza e chi no, a meno che l’utente non abbia apportato modifiche alle impostazioni.

I benefici legati ai costi sono un ulteriore dato di fatto, perché WhatsApp è gratis, sia nella versione Personal che Business, studiata per le piccole aziende: solo le grandi imprese ed i colossi multinazionali rappresentano un’eccezione a questa regola e devono attenersi ad un listino studiato proprio per loro.

Inoltre, da qualche anno a questa parte hai l’opportunità di sincronizzare il PC allo smartphone, grazie a Whatsapp Web. 

Mediante scansione tra telefono e Qr Code visualizzabile sul monitor, in un attimo avrai a disposizione tutta la cronologia, dandoti una visuale più ampia e consentendoti di aggiungere eventuali contatti rimasti negli archivi del computer.

Messaggistica istantanea: le opportunità per guadagnare

Whatsapp Business web
Whatsapp Business Web

Prima di passare ai metodi per aumentare le entrate con WhatsApp, tieni presente che la strada da intraprendere non sarà facile ed i riscontri non immediati, pertanto percorri questa via solo se sei disposto ad aspettare pazientemente i risultati.

Inoltre devi avere una rete di contatti molto ampia: se non hai ancora provveduto in tal senso, prima di iniziare utilizza altri strumenti che le tecnologie ti offrono, come i gruppi sui social, i siti web e le mailing list, per intrecciare rapporti con nuovi potenziali clienti.

Comunicare con le persone in questo modo, infatti, ha valore soltanto se hanno già avuto l’opportunità di conoscere i tuoi servizi e previa rassicurazione sull’assenza di vincoli di sorta, altrimenti l’approccio potrebbe risultare fastidioso, se non addirittura invadente.

In ogni caso, devi attenerti all’attuale normativa sulla privacy ed inviare i messaggi in maniera tale che nessuno possa visualizzare i dati di altri utenti, aggirando eventuali bug del sistema (basta leggere quanto è successo recentemente con le conversazioni di gruppo: Google ha indicizzato anche i link di invito alle chat di WhatsApp), pertanto ricorrerai alla modalità broadcast per un invio di massa rapido e sicuro.

Adesso che, finalmente, hai ben chiare caratteristiche, potenzialità e condizioni per un utilizzo corretto dell’applicazione, puoi addentrarti ancora di più in questo campo.

Promozione attività online

Questo utilizzo della messaggistica istantanea presuppone che tu sia proprietario o responsabile di un’impresa e voglia far conoscere ai clienti i tuoi prodotti e servizi, quindi disponi di una versione Business dell’applicazione, grazie alla quale avrai a portata di mano molti servizi aggiuntivi rispetto a quella ad uso privato.

La creazione di un profilo aziendale facilmente verificabile e riconoscibile mediante certificazione, la possibilità di integrare numeri fissi preesistenti e profilo personale, insieme ad altri tool studiati per le comunicazioni aziendali rappresentano un plus di cui non puoi fare a meno.

L’imminente arrivo di un sistema interno per i pagamenti anche in Italia renderà il programma ancora più appetibile, in quanto agevolerà ulteriormente le transazioni e creerà una competizione più aggressiva con WeChat, il colosso cinese di Tencent Holdings Ltd che riscuote un grande successo nei mercati asiatici.

Per valorizzare il tuo profilo, scegli una foto con una buona risoluzione ed un nome che ti rappresenti, senza andare oltre i 20-25 caratteri. 

Condividi dei contenuti che spieghino all’utente perché la tua proposta è importante e i motivi per i quali dovrebbero preferirti, oltre ad aggiornare frequentemente lo status.

Guadagnare online con le affiliazioni

Come guadagnare con WhatsApp
Come guadagnare con WhatsApp

Un’altra opportunità che puoi cogliere, molto in voga negli ultimi anni, è quella dei programmi di affiliazione.

Mediante la condivisione di link o di materiale pubblicitario corredato di una breve descrizione, ti verrà accreditata una percentuale se il cliente che ha visualizzato il contenuto fa un acquisto entro un termine prestabilito, solitamente di pochi giorni.

Se hai già maturato un’esperienza simile usando le email, ti renderai conto fin da subito che la messaggistica istantanea ha tempi di risposta molto più rapidi, in quanto assicura una comunicazione di gran lunga più veloce e diretta.

Inoltre, le piattaforme e-commerce più importanti come Amazon dispongono di una versione mobile del sito, quindi il tuo cliente può concludere le operazioni entro pochi minuti, indipendentemente dal fatto che sia a casa, al lavoro o a fare altre cose.

Diffusione di articoli interessanti

Altro modo per aumentare le entrate è diffondere alcuni tipi di contenuti che potrebbero destare l’interesse dei tuoi contatti, ad esempio notizie di cronaca e gossip, guide o ricette di cucina, tramite l’iscrizione a specifiche piattaforme di condivisione.

ShareNews ti permette di far conoscere articoli di vario genere sui social di tendenza e di guadagnare dalle visite: il sito promette di dare un compenso fino a 5 € ogni 1000 visualizzazioni uniche e di pagare al raggiungimento dei 40 € tramite Paypal, bonifico o Postepay.

Pay per download o PPD

Ecco un’altra maniera per ottenere dei piccoli extra, ma che richiede l’iscrizione a piattaforme affidabili per evitare scam, furto di dati e malware vari.

Svolgere delle piccole “mission” in cambio di un file da scaricare, che può essere un video, una foto o un audio, accessibile mediante link da condividere su WhatsApp ed altri social.

Attualmente un esempio per il PPD è Dollar Upload (paga in criptovaluta Bitcoin), che puoi registrarti in pochi e rapidi passaggi ed iniziare a guadagnare su ogni download portato a termine dai tuoi contatti.

Caricamento e condivisione di fotografie

Non è mai stata una fonte proficua di guadagno, ma fino a qualche tempo fa ti avrebbe permesso di fare una ricarica oppure di prendere una pizza con una Coca Cola o una birra, almeno per una volta l’anno.

Se disponi di molte immagini interessanti, puoi sempre prendere in considerazione questa idea.

Un sito che ho provato è Shutterstock. Si guadagna sul serio. Ho caricato un po’ di foto ed uno in Cina ha acquistato una mia foto. Venticinque centesimi di euro accreditati. Un buon segnale.

Poi c’è ImgRock, uno degli spazi ancora attivi che ti permette di creare un account e condividere le immagini caricate.

Non ti aspettare cifre da capogiro: come puoi leggere nella pagina di iscrizione, i guadagni previsti per gli utenti che provengono dall’Italia non superano i 1,80 $ per 1000 visualizzazioni, vale a dire circa 1,65 €, a seconda delle quotazioni del momento.

Link accorciati

Puoi utilizzare anche il sistema degli URL shortener per ottenere un piccolo aumento delle tue entrate: cliccare su questo tipo di link porta l’utente alla visualizzazione di un annuncio pubblicitario della durata di pochi secondi, prima di indirizzarlo verso il contenuto di riferimento.

Shorte.st e Adf.ly sono siti che, pur avendo bisogno di qualche aggiornamento delle informazioni sui pagamenti, ti permettono di guadagnare pochi dollari ogni 1000 click effettivi (al massimo 3,59 $ per il primo e poco meno di 2 $ per il secondo) che vengono subito accreditati nel tuo account e trasferiti sul tuo conto Paypal al raggiungimento del payout di 5 $.

Come ottenere il massimo dalla monetizzazione con Whatsapp?

Dipende dal tempo che vuoi o puoi dedicare alle attività, dalle priorità e dagli obiettivi che ti sei prefissato: se la tua finalità principale è un aumento delle entrate, non hai un’azienda da gestire e, magari, sei alla ricerca di un secondo lavoro, puoi svolgerne più di una contemporaneamente.

Se, invece, vuoi buttarti in una nuova avventura a tempo pieno, punterai sui link di affiliazione o valuterai, in base alle tue preferenze ed alle richieste del mercato, prodotti e servizi che siano di grande utilità e valore per tuoi potenziali clienti, pertanto dovrai essere molto scrupoloso nell’analisi di tutte le variabili in gioco.

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo

Come funziona Google Documenti?

Come funziona Google Documenti?

Indice dei contenuti

Google Documenti: le risorse che non ti aspetti

Come ben sai, al giorno d’oggi è possibile trarre guadagno da e nel mondo del web.

Le opportunità sono molte e puoi sfruttare tutti quegli strumenti messi a disposizione dai Big della rete per gestire la documentazione inerente alla tua attività, i fogli di calcolo e le presentazioni in maniera semplice ed efficace, ma soprattutto condivisibile in tempo reale con i tuoi collaboratori. 

La piattaforma più utilizzata al giorno d’oggi, sia a livello personale che lavorativo, è senza dubbio Google Docs (Google Documenti in italiano), perché è un sistema semplice, intuitivo e soprattutto gratuito che ti consente di produrre al meglio i tuoi testi e condividerli con il tuo team

Andiamo a scoprire tutte le funzionalità di questo prezioso strumento, cui puoi accedere da ogni dispositivo e anche offline.

Google Documenti come funziona
Foto di sfondo creata da yanalya

Smart working non è mai stato così semplice

Il mondo del lavoro ha subito e sta subendo molteplici trasformazioni, e in tempi davvero rapidi; tutto ciò può spaventare e far pensare di non essere all’altezza. 

Niente di più sbagliato! La tecnologia e i continui miglioramenti delle reti e dei servizi ha fatto e farà sempre di più la differenza. 

Puoi imparare le nuove metodologie facilmente e immetterti in un mondo colmo di opportunità. 

Vi sono molteplici nuove figure professionali ricercate e puoi metterti o rimetterti in gioco creando il tuo blog, il tuo sito, vendere online (anche dropshipping, ovvero senza necessariamente possedere un proprio magazzino merci) fornire beni e servizi, e persino programmare eventi. 

Tutto questo servendoti degli strumenti più innovativi e sfruttando la possibilità della condivisione in tempo reale di qualsiasi tipologia di documenti, appoggiandoti ad esempio a Google Drive, che è il sistema di cloud storaging, sempre gratuito, di Google.

Google Docs, l’evoluzione di Word online

Ti è mai capitato di scrivere una lettera, redigere un report o una semplice comunicazione con il famoso programma Word, inviarlo via mail ai tuoi collaboratori e poi ricevere decine di risposte in cui ti veniva detto che il file non era compatibile? 

Che la formattazione era saltata? Che il file non si apriva proprio? Quanto tempo hai perso a inviare nuovamente il documento, cercando soluzioni “artigianali” per risolvere i problemi? 

Sicuramente è stata una perdita di energie, risorse e di conseguenza denaro

Con le applicazioni fornite da Google puoi importare, creare, modificare e aggiornare documenti, presentazioni e fogli di calcolo, avendo a disposizione proprio come in Word tanti tipi di carattere e di formati, la possibilità di inserire formule, elenchi, tabelle e immagini ma con il vantaggio di poter condividere i tuoi testi con le persone che vuoi in tempo reale e chiedere o proporre suggerimenti, fare osservazioni o correggere, salvando il lavoro in maniera automatica ad ogni modifica e potendo accedere alla cronologia dei salvataggi in ogni momento.

È possibile gestire qualunque tipo di documento: dai preventivi alle fatture, dagli appunti personali ai documenti di progetti. 

Puoi dimenticarti di chiavette, dischi esterni e sincronizzazioni: se devi andare a trovare un tuo cliente, non devi ricordarti quel preventivo cartaceo o quel prospetto da presentargli. 

Come funziona Google Documenti?

Per utilizzare il software google documenti è sufficiente avere un account Google attivo e accedere alle funzionalità presenti nella griglia posta in alto a destra della homepage: lì vi sono le icone di tutte le applicazioni messe a disposizione gratuitamente da Google. 

Cliccando sull’icona “documenti” si apre l’applicazione: possiamo definirla una sorta di versione semplificata rispetto a Word di Microsoft che permette di scrivere qualunque tipo di testo, con qualche funzionalità leggermente diversa ma molto più semplice da utilizzare; inoltre ha alcuni vantaggi molto interessanti che adesso andiamo a conoscere nel dettaglio.

A tua disposizione c’è una guida gratuita creata apposta per spiegarti approfonditamente le funzionalità di questo fantastico servizio. Il link lo trovi nella sezione corsi oppure in evidenzia in questa pagina.

Google Docs pagina principale
Google Documenti pagina principale

Titolo documento, salvataggio automatico, funzionalità

Appena selezionato dalle funzioni “nuovo documento” puoi assegnargli un titolo e da quel momento il salvataggio avviene in automatico nel drive. Puoi anche importare un documento da Word e convertirlo in questo nuovo formato. 

Questo software è un word processor, quindi puoi scrivere dei testi, puoi aggiungere immagini e grafici, puoi inserire collegamenti ipertestuali a siti web o a video su youtube utilizzando il menù “inserisci”. 

Tutte le caratteristiche di word processing come Word sono presenti, e quindi puoi cambiare il formato, il tipo di carattere, la giustificazione del testo, l’interlinea, lo stile del paragrafo, e anche creare colonne di testo, elenchi puntati e numerati eccetera. 

Il sistema è intuitivo e in alto nella barra delle funzionalità puoi trovare tutti i vari menù a tendina, esattamente come in Word. 

Anche l’inserimento delle immagini avviene in diverse modalità: puoi caricarle dalla tua memoria interna oppure puoi inserirle effettuando la ricerca sul web; puoi anche caricare immagini che hai precedentemente salvato nel tuo Google Drive, o caricarle mettendo direttamente l’url (l’indirizzo web di un sito internet). 

Le immagini possono essere modificate, ritagliate e inserite all’interno del testo. Allo stesso modo è possibile inserire anche dei disegni; questi sono molto semplici da eseguire, dispongono di molteplici menù e funzioni e possono essere utilizzati per creare ad esempio delle efficaci mappe concettuali.

Condivisione in tempo reale

La funzione più interessante di Google Documenti è la possibilità di condividere i contenuti con chi desideri. 

Nel momento in cui metti in condivisione con i tuoi colleghi i testi o le slide, tu puoi associare a ciascuno di loro una serie di permessi: puoi dare la possibilità di modificare e/o cancellare, puoi far commentare o lasciar inserire dei suggerimenti oppure puoi permettere solo la funzione di visualizzazione. 

Una volta che il collaboratore è stato invitato (via mail) e partecipa alla condivisione, compare un’icona con il suo nome. La comodità di questo software è che ti permette di lavorare in due o più persone contemporaneamente sullo stesso documento, da qualsiasi dispositivo mobile. 

A questo proposito vi è un’altra funzionalità molto comoda (che si può attivare solamente utilizzando Chrome però) che è quella della digitazione vocale: in pratica si seleziona la modalità specifica e ciò che viene detto attraverso il dispositivo scrive in automatico sul foglio di lavoro. 

Tutti gli interventi fatti, come i suggerimenti, i commenti, gli inserimenti vocali eccetera, una volta arrivati a conclusione non vengono più visualizzati nel testo: si tolgono attraverso la funzione “risolto”, anche se nella cronologia dei vari salvataggi puoi trovare tutto ciò che è stato fatto. 

Naturalmente vi sono molte altre funzioni e possibilità e il sistema intuitivo del menù a tendina è facile da utilizzare e da esplorare per trovare tutto ciò che ti serve.

Formati supportati Google Documenti

I documenti realizzati con Google Documenti possono essere memorizzati, condivisi, richiamati esattamente come ogni altro documento, e inoltre possono essere salvati in varie tipologie di formato ovvero come documento PDF, Word, pagina web, e addirittura in formato e-pub

Ovviamente Google Doc è compatibile con tutti i formati che ti servono: Power Point ed Excel, Open Document, StarOffice, file con estensione .rtf e .txt

Si può quindi affermare senza ombra di dubbio che è un concorrente davvero competitivo al classico Office Online.

Google Documenti formati supportati
Google Documenti formati supportati

Lavori anche offline

Se la tua paura è quella di non poter lavorare quando ti trovi momentaneamente senza connessione, sappi che Big G ha pensato anche a questo: con Google Documenti puoi operare su un documento anche in modalità offline

È necessario utilizzare come browser Chrome e accedere al menù delle impostazioni: c’è un apposita sezione da spuntare per sincronizzare i file in modo da poterci lavorare, appunto, offline.

Componenti aggiuntivi Google Documenti

Adesso che hai scoperto la facilità di utilizzo e le innumerevoli possibilità di Google Documenti sia per uso personale che lavorativo, devi sapere che esistono anche molti add-on che puoi installare, così da sfruttare altre preziose risorse. 

  • Styles ti regala 20 layout di documenti già pronti che variano dagli stili professionali per report a modelli più leggeri e meno formali. 
  • MindMeister ad esempio ti permette di trasformare gli elenchi puntati in mappe mentali.
  • Remove Line Breaks o Text Cleaner sono utilissime funzionalità che ti eliminano le fastidiose interruzioni di linea, che puoi trovare ad esempio quando importi un file PDF.

Ve ne sono davvero molte, e se hai necessità di mantenere invisibile una parte del testo mentre lo condividi con i colleghi esiste DocSecrets, che ti consente di scegliere una parte di testo e renderla privata semplicemente dopo averla selezionata e digitato una password.

Google Documenti è, in sintesi, la nuova frontiera dello smart working. 

Una suite potente, versatile e dotata di tantissime funzionalità anche solamente nella versione free. Naturalmente puoi passare in qualunque momento alla versione professionale: sarà un ottimo investimento perché ti permetterà di accedere a strumenti ancora più specifici e dedicati.

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo

8 migliori smartphone sotto i 300 €

8 migliori smartphone sotto i 300€

Indice dei contenuti

Smartphone economici: la lista dei migliori sul mercato

Di seguito ti elenco gli smartphone con il migliore rapporto qualità/prezzo acquistabili con meno di 300 €. Poi l’articolo prosegue con delle informazioni utili come puoi vedere dall’indice dei contenuti.

Huawei P30 lite

Migliori smartphone: Huawei P30 lite

Questo modello trasmette fin da subito la sensazione di avere tra le mani un telefono di una fascia di prezzo più alta, grazie al suo aspetto accattivante, ma anche per l’appartenenza ad una marca ormai in forte espansione come la Huawei.

L’equilibrio fra le sue componenti e caratteristiche è davvero strabiliante, delineando uno dei migliori smartphone di fascia media con un rapporto qualità/prezzo impareggiabile.
Si distingue per la sua fotocamera tripla, in grado di utilizzare un sensore per calcolare la profondità e calibrare la visione grandangolare.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo EMUI 9.0 (Basato su Android 9).
  • schermo di 6,15 pollici LCD TFT (IPS) in vetro alluminosilicato.
  • 4 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • fotocamera posteriore 48 MP (obiettivo grandangolare, apertura f/1.8) + 8 MP (obiettivo ultra grandangolare) + 2 MP (obiettivo bokeh).
  • fotocamera frontale 24 MP.
  • batteria litio polimeri con capacità 3340 mAh, non removibile.
  • sensore impronte digitali posteriore.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 200€ ai 230€

Guarda Huawai P30 Lite su Amazon

Motorola Moto G8 Plus

Migliori smartphone: Motorola Moto G8 Plus

Un telefono dalle linee moderne che incomincia ad affermarsi con più aggressività nel mercato per competere con la sempre più agguerrita concorrenza.

Due fotocamere posteriori, riconoscimento dell’impronta e doppio speaker per migliorare sensibilmente la qualità dell’immagine, dell’audio e della sicurezza.

Questo modello Motorola fa un discreto passo avanti rispetto a quello precedente, ma manca ancora di caratteristiche diventate fondamentali negli smartphone di questa fascia, come la stabilizzazione ottica per le fotocamere e materiali più resistenti per lo schermo.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo Android 9.0 Pie.
  • schermo 6.3 pollici.
  • 4 GB RAM.
  • memoria interna 64 GB.
  • doppia fotocamera posteriore 48 MP + 16 MP.
  • fotocamera frontale 25 MP.
  • batteria 4000 mAh non removibile.
  • sensore impronte digitali posteriore.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 200€ ai 230€.

Guarda Motorola Moto G8 Plus su Amazon

Samsung Galaxy A50

Migliori smartphone: Samsung Galaxy A50

Design moderno e innovazione tecnologica si fondono per dare vita a uno dei miglior modelli Samsung della fascia media, il galaxy A50.

Le caratteristiche del prodotto sono molto ben bilanciate e possiedono un buon rapporto qualità/prezzo, dandogli tutte le potenzialità per diventare uno dei più acquistati della sua gamma.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo Android.
  • schermo di 6.4 pollici.
  • 4 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • tripla fotocamera posteriore da 25.0 MP + 5.0 MP + 8.0 MP.
  • fotocamera frontale 25.0 MP.
  • batteria 4000 mAh non removibile.
  • sensore impronte digitali integrato nel display.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 280€ ai 299€.

Guarda Samsung Galaxy A50 su Amazon

Realme X2

Migliori smartphone: Realme X2

Uno smartphone dalla marca non ancora molto conosciuta, ma che riesce ad essere un valido rivale della spietata concorrenza.

Un design semplice e raffinato, in perfetta armonia con i colori brillanti messi a disposizione dal modello.

Quattro fotocamere posteriori, di cui una di ben 64 MP, in grado di eseguire delle foto di altissima qualità pur essendo inserite in un dispositivo di fascia media.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo ColorOS 6 basata su Android 9.0 Pie.
  • schermo Super AMOLED da 6,4 pollici.
  • 6/8 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • quadrupla fotocamera posteriore da 64 MP + 8 MP ultra-grandangolare 119° + 2 MP per macro + 2 MP per effetto bokeh.
  • fotocamera frontale 32 MP.
  • batteria 4000 mAh non removibile.
  • sensore impronte digitali integrato nel display.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 260 € ai 280 €.

Guarda Realme X2 su Amazon

Xiaomi MI 9T

Migliori smartphone: Xiaomi MI 9T

Il design di questo smartphone induce subito il potenziale acquirente ad innamorarsene attirato dalle linee pulite del prodotto e dai suoi colori accattivanti.

Un telefono moderno che permette di fare foto di alta qualità grazie alle tre fotocamere posteriori in grado di catturare e definire ogni singolo dettaglio.

É sopratutto amato dai giovani per la sua attenzione riservata alla telecamera frontale posta in un carrellino estraibile per fare selfie dalla nitidezza unica.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo MIUI 10.
  • Schermo da 6.39 pollici.
  • 6 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • tripla fotocamera posteriore da 48 MP.
  • fotocamera frontale pop up selfie da 20 MP.
  • batteria 400 mAh non rimovibile.
  • sensore impronte digitali presente sul display.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 250€ ai 270€.

Migliori smartphone: Huawei P30 lite

Oppo Reno2 Z

Migliori smartphone: Oppo Reno2 Z

Un nuovo modello tutto da scoprire di una marca che sta acquistando sempre più clienti in tutto il mondo.

La versione Reno2 Z dell’Oppo si presenta in modo eccezionale, degno di essere confrontato con gli smartphone della sua stessa fascia di prezzo.
Linee moderne e accattivanti, con una fotocamera estraibile in grado di catturare i momenti da ricordare in modo impeccabile.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo Android.
  • schermo da 6.53 pollici.
  • 8 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • fotocamera principale di 48 MP e video in 4K con risoluzione 3840×2160 pixel.
  • batteria 4000 mAh non rimovibile.
  • sensore impronte digitali posteriore.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 290€ ai 299€.

Migliori smartphone: Huawei P30 lite

Huawei P40 lite

Migliori smartphone: Huawei P40 lite

Un’altro gioiello della gamma Huawei ideato per essere giovanile e all’avanguardia.
La sua migliore caratteristica è la presenza di ben
quattro fotocamere posteriori, che permettono di avere foto nitide e dai colori sempre più vivi.

Unica pecca l’assenza dei servizi google, colmata però dalla possibilità di usufruire gratuitamente delle Huawei FreeBuds 3.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo EMUI 10.0.1 (basato su Android 10.0).
  • schermo 6,4 pollici LCD con risoluzione 2310 x 1080 pixel.
  • 6 GB RAM.
  • memoria interna 128 GB.
  • 4 fotocamere posteriori da 48 MP (apertura grandangolo f/1.8) + 8 MP (obiettivo ultra grandangolare) + 2 MP (obiettivo macro) + 2 MP (Lente Bokeh).
  • fotocamera frontale 16 MP, apertura F/2.0.
  • batteria 4200 mAh non removibile.
  • sensore impronte digitali posteriore.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 290€ ai 299€.

Migliori smartphone: Huawei P30 lite

Honor View 10 lite

Migliori smartphone: Honor View 10 lite

Questo telefono si presenta con design e colorazioni moderne, capace di attirare l’attenzione degli acquirenti più giovani.

Pecca più evidente la presenza di sole due fotocamere, non in grado di competere con quelle offerte da smartphone della stessa fascia di prezzo.

Principali caratteristiche:

  • sistema operativo Android P + EMUI 9.0.
  • schermo 6.21 pollici.
  • RAM 4 GB.
  • memoria interna 64 GB.
  • fotocamera posteriore 13MP+2MP.
  • fotocamera frontale 24 MP.
  • batteria 3400 mAh non removibile.
  • sensore impronte digitali posteriore.

Il prezzo di questo telefono può variare dai 140€ ai 245€.

Migliori smartphone: Huawei P30 lite

Come trovare i migliori smartphone sotto i 300 €?

Semplice, basta analizzare le schede tecniche e scegliere quelli con il miglior rapporto qualità/prezzo!

Basti pensare che il mercato della telefonia è in continua evoluzione, sempre pronto a regalare agli acquirenti nuove funzioni e le più innovative tecnologie.
Si è così espanso che ormai anche con un budget medio è possibile acquistare uno smartphone dalle caratteristiche eccellenti e dalla alta qualità dei materiali.

Per poter scegliere fra i tanti modelli e materiali diversi e comprare il telefono che soddisfa meglio le tue esigenze, devi assolutamente sapere quali sono le caratteristiche indispensabili perché un prodotto possa essere definito di qualità.
Analizziamo insieme le caratteristiche che devono avere e quali sono i migliori smartphone sotto i 300 € che è possibile acquistare.

Smartphones economici in commercio: display, batteria e fotocamera

Sono stati fatti importanti passi avanti nella tecnologia, tanto da poter garantire ad una fascia più ampia di clientela delle funzioni e delle caratteristiche di alta qualità.

Per essere davvero funzionale e durevole nel tempo, lo smartphone deve avere un display composto da materiali più resistenti e batterie in grado di caricarsi più velocemente e di durare di più.

Una delle caratteristiche più importanti del display è la sua larghezza, che non solo influisce sulla grandezza totale delle componenti, ma anche sulla limpidezza con cui si possono visualizzare app, messaggi, foto e video.

Anche la risoluzione dei pixel gioca un ruolo fondamentale sulla nitidezza delle immagini e sulla brillantezza dei colori che andiamo a visualizzare.

I migliori display dei telefoni di questa fascia hanno in media un numero di pollici più alto e risoluzione in QHD, HD e FULLHD.

Il secondo elemento da considerare è la batteria, elemento portante del telefono, senza il quale nessuna funzione potrebbe mai essere eseguita.
Per questo è importante averne una che si ricarica in fretta, che duri di più fra una ricarica e l’altra, e che riesce a durare più a lungo nel tempo.

In genere gli smartphone di questa fascia posseggono una batteria di almeno 3500 mAh, ma i migliori sono coloro che posseggono 4000 mAh, garantendo una batteria carica per più tempo.

Anche la fotocamera ha un ruolo fondamentale nella scelta degli smartphone, sopratutto nell’era moderna in cui siamo portati a fare grande uso della fotografia e dei video.
É straordinario come le fotocamere dei telefoni si siamo evolute, dando la possibilità di ottenere delle risoluzioni spettacolari con l’ausilio di due, tre ma anche quattro fotocamere in grado di servirsi della visione grandangolare e della stabilizzazione ottica.

Per avere il massimo dalle tue foto e dai tuoi video, la fotocamera principale deve avere in media almeno 25 MP e quella frontale almeno 10 MP.

Miglior smartphone: sistema operativo, processore e RAM

Oltre alle caratteristiche fisiche del telefono, molto importante è il sistema operativo, il processore e la RAM (ed anche la ROM).
I sistemi operativi migliori che si possono trovare all’interno dei dispositivi mobili sono:

Android, il sistema operativo più utilizzato negli smartphone di tutte le fasce, in grado di garantire la compatibilità con molte applicazioni, app e giochi.
Uno dei suoi punti forti è anche l’alta adattabilità e la sua facile personalizzazione, in grado di garantire design diversi in base alle decisioni stilistiche del produttore del dispositivo mobile.
iOS, attualmente in uso in tutti i smartphone marcati Apple.
Dispone di una alta compatibilità con molte applicazioni, app e giochi e si aggiorna facilmente ogni volta che la casa produttrice rilascia un nuovo aggiornamento.

Per i modelli di fascia media è sempre meglio controllare se lo smartphone dispone di un sistema operativo Android 9.0 Pie o superiore.

Il processore è invece ciò che determina la velocità generale del dispositivo di cui la frequenza operativa è misurata in GHz, mentre la sua potenza viene calcolata in numero di core, la parte che processa i dati per trasformarli in ordini da impartire al dispositivo.
In genere è meglio considerare gli smartphone con un processore che non lavori al di sotto dei 1,8 GHz.

La memoria RAM e la ROM hanno entrambe la funzione di ospitare dati, ma vengono distinte perché lo fanno in due modi differenti.
La prima accoglie momentaneamente i dati delle app e determina la velocità con cui lo smartphone riesce a compiere diverse operazioni contemporaneamente.
La seconda è quella che comunemente viene chiamata memoria interna e accoglie tutti i dati permanenti del sistema operativo.

Per ottenere delle buone prestazioni è meglio scegliere un telefono con almeno 4 GB di RAM e 60 GB di ROM.

Smartphone semplice? Sceglilo sicuro! Sblocco facciale e con impronta

La tematica della sicurezza è diventata sempre più importante per gli acquirenti degli smartphone, in quanto in questi dispositivi vengono conservati dati sensibili, non solo personali, ma anche di lavoro.

Per proteggere i propri dati da occhi indiscreti e per ottenere una maggiore privacy sono stati ideati dei dispositivi di sicurezza molto più all’avanguardia, difficili da aggirare e molto più veloci da utilizzare.

Il primo, e più in uso nella fascia media, è il sensore d’impronte digitali, integrato nel display del dispositivo o nella sua parte posteriore.
Attraverso la registrazione della propria impronta digitale è possibile sbloccare la schermata solo appoggiando il dito sul sensore, risparmiando il tempo che ci metteremmo a comporre il classico segno o digitando il pin.

Il secondo, meno in uso in questa categoria, è lo sblocco facciale in grado di riconoscere il viso registrato solo guardando lo schermo del telefono.
Tuttavia, siccome questa tecnologia usa i parametri del viso ( come la distanza fra gli occhi, la grandezza della bocca, la lunghezza del naso ecc. ecc.) per sbloccare la schermata, potremmo trovare, per quanto raro, qualcuno con dei parametri simili al nostro viso in grado di sbloccarlo a sua volta.

In entrambi i sistemi di sicurezza, se non si riuscisse a sbloccare il dispositivo con il riconoscimento d’impronta o viso, basterà comporre il pin o il segno, che comunque non vengono eliminati dai parametri di sicurezza.

I migliori smartphone posseggono almeno uno dei due sistemi di sicurezza, alcuni posseggono addirittura entrambi.

Tanti sono gli smartphone con caratteristiche di alta qualità presenti sul mercato.
Le possibilità di scelta per coloro con un budget medio sono di conseguenza molto ampie.
Tutto quello che devi fare è scegliere fra questi modelli quello che si adatta di più alle tue esigenze

8 migliori smartphone a meno di 300€:

Entra nella lista contatti







prezzi per singolo corso
da € 19,00*
Piccolo Prezzo Grande Valore

* Con questa cifra hai accesso corso in qualsiasi momento, dovunque e con qualunque dispositivo. Servizio soggetto a variazioni.

©2020 tuttofaredigitale.it – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – Privacy Policy – Cookie Policy – Termini e CondizioniChi siamo